NEWS / 30-31 maggio 2019 Training days

Archiviare il presente
Due giornate dedicate alla fotografia come patrimonio e linguaggio

Programma Training Days
Programma Training Days

Iscrizione gratuita fino ad esaurimento posti

Riflessioni intorno alle politiche e alle azioni, fra conservazione, restauro, produzione autoriale e creazione artistica, parlando di archivi pubblici, privati, di famiglia.Grazie alla fotografia possiamo essere spettatori di innumerevoli presenti: il presente/passato si attualizza sotto ai nostri occhi e la fotografia diviene insieme fonte, memoria, souvenir, bugiarda o sorniona. La fotografia descrive e ferma il presente, lo trascrive e lo trasmette; in questa accezione entrano in gioco tecnologia, materia dell’immagine, interventi creativi, intellettuali e di post-produzione, mode e destinazione d’uso dell’immagine. Il vocabolo archiviare può essere declinato in differenti forme, applicabile nell’accezione di atto di registrazioneconservazione e catalogazione; non di meno il termine si può estendere a funzioni legate alla memorizzazionesospensione e accantonamento, un’azione utile ad abbandonare e rimuovere fatti o la costituzione di un metaforico cassetto di contenuti fisici, psicologici e metafisici. Se catalogare il contemporaneo per archiviarne il presente è un atto di registrazione e conservazione, tale prassi può sconfinare in un atto di sospensione e deviazione del giudizio e dello sguardo, grazie a gesti consolidati e rituali (lo scatto), oppure selettiva azione di trattenimento di dati e informazioni, mirata alla trasmissione della storia scongiurandone i revisionismi.